7-10 aprile 2022 | WORKSHOP, SEMINARI INTERNAZIONALI, PASSEGGIATE PUBBLICHE 

18-19 giugno 2022| PASSEGGIATE PUBBLICHE 

CITTA’ APERTE e SPAZI IBRIDI SOCIOCULTURALI 

Luoghi del welfare di comunità per la città e i territori di prossimità 

Sapete cosa sono gli spazi ibridi socioculturali?

Restano delle questioni aperte, degli interrogativi a cui invitare esperti, attivisti, tecnici comunali, associazioni per proseguire il lavoro avviato di ricerca-azione con workshop e seminari, incontri pubblici e passeggiate, per definire tentativamente un percorso di co-design di azioni e suggerimenti per politiche pubbliche. Apriamo ad un confronto locale, nazionale e internazionale per domandare che tipo di spazi ibridi socioculturali sono nati nella vostra città? Dove sono? Confronteremo le Mappe di Milano, Berlino, Amsterdam e altre città e territori nazionali. Ci interrogheremo su che tipo di servizi al quartiere per una città di prossimità vengono restituiti? Che tipo di vision, dibattito pubblico e co-design di politiche per un welfare solidale è stato avviato con la Pubblica Amministrazione e gli Enti locali? Come viene misurato l’impatto socioculturale nella vostra città? Che tipo di indicatori di impatto?

Gli spazi ibridi socioculturali fanno allora anche parte delle Città aperte (Sennet, 2019). Occorre costruire città più incomplete, con spazi non sovradeterminati nelle loro funzioni, ma “ambigui”, flessibili, porosi. Se una città diventa più aperta sarà in grado di accogliere adattamenti, incoraggerà usi dello spazio pubblico dissonanti. Il compito del planner radicale, ma anche dell’amministratore pubblico e degli imprenditori socio-culturali è dunque quello di promuovere la dissonanza e gli spazi ibridi possono dar casa all’imprevisto, al fuori programma, all’uso meticcio di diverse popolazioni.

Saper riconoscere e attivare anche nuovi spazi ibridi permetterà di adottare nuovi strumenti di Pianificazione aperta (Burkhardt, 1968; Inti, 2019), una “cassetta di attrezzi” per promuovere spazi adattabili, flessibili e inclusivi parte di processi di trasformazione di parti di città e territori.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

COLOPHON

A cura di: 

Stecca3

Temporiuso

 

in collaborazione con: 

BASE Milano

Casa degli artisti 

mare culturale urbano

Spirit de Milan 

Terzo paesaggio

ZONA K

E la Rete informale Spazi ibridi socioculturali Milano*

 

Con il contributo di:

Fondazione Cariplo

 

Con il supporto di:

Consolato Paesi Bassi a Milano 

Consolato Generale della Repubblica Federale di Germania 

 

Patrocinio di:

Comune di Milano

OAPPC_ Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Milano 

 

Partner scientifici: 

DAStU Politecnico di Milano 

 

In collaborazione con il progetto europeo: 

COST Action CA18214

CORAL_Exploring the impacts of collaborative workspaces in rural and peripheral areas in the EU

 

Partner culturali: 

Bureau Broedplaatsen Geemente Amsterdam (NL)

CheFare

ExSA Bergamo 

FHS_ Fondazione Housing Sociale

Fondazione Fitzcarraldo

Fondazione Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Milano

Urbane Praxis

Line Culture 

Lo Stato dei Luoghi 

raumlaborberlin (D)

Rete Case del quartiere, Torino

ZUsammenKUNFT Berlin eG (D

 

Media Partner:

PPAN comunicazione e networking

Perimetro 

Zero

Partner tecnici:

ATM 

​Radio 20158

--

*La rete informale SPAZI IBRIDI SOCIOCULTURALI Milano è stata avviata nel 2021 da: BASE Milano, Canottieri San Cristoforo mare culturale urbano Food hub, Casa degli artisti, Cascina Cuccagna, Cascina Martesana, Cascina Merlata-mare culturale urbano Food hub, Cascinet, ciclofficina Pontegiallo, circolo Arci Bellezza, circolo Arci Biko, East River, Giardino Comunitario Lea Garofalo, il Cinemino, il Cortile delle Associazioni Niguarda, Lab barona- Repair cafè, la Scighera, mare culturale urbano, Nuovo Armenia, Olinda, Redo Santa Giulia-mare culturale urbano Food hub, Rob de Matt, SoulFood Forestfarms, Stecca3, Spirit de Milan, Terzo Paesaggio, ZONA K.